Dipingere il cuoio usurato

  • Stampa

Cuoio UsuratoNell'articolo di oggi vi mostrerò il metodo che attualmente uso per dipingere un cuoio molto, molto usurato.
Per mostrarvi questa tecnica ho scelto un corpetto di un gladiatore, adattissimo allo scopo in quanto è plausibile che tale armatura si sia rovinata a seguito di numerosi combattimenti.

Ovviamente, come in tutte le mie guide, questo non è l'unico modo assoluto di dipingere, ma solamente il mio modo.

 

Per dipingere il cuoio abbiamo bisogno unicamente di quattro colori: German Cam Black Brown (VMC 822), Red Leather (VMC 818), Vomit Brown (Citadel) e del Flat Black (NAC-02) per le ombre massime. Se non avete questi colori basta utilizzare un marrone scuro, un marrone rossiccio, un ocra ed un nero.

Stendo prima una base uniforme di Cam Black e Red Leather. Potrebbero essere necessarie più mani per avere un colore omogeneo sul figurino.

 

Inizio poi a lavorare sulle luci.
Di solito quando dipingo un figurino, parto da un colore medio scuro e quindi attraverso velature e sfumature aggiungo le luci in maniera graduale senza doverle troppo ritoccare in quando punto subito ad avere transizioni di colore omogenee. Per questo modello ho invece utilizzato un approccio differente in quanto il risultato che volevo ottenere era quello di un materiale molto usurato; per tale motivo il mio obiettivo primario è stato quello di definire subito i volumi in maniera evidente e non troppo raffinata.
Ho steso il colore sul modello utilizzando per lo più piccoli colpetti e trattini. All'inizio questa tecnica mi è servita per abbozzare le zone, in seguito per dare un senso di invecchiamento al materiale.
Ho aggiunto alla mescola di base un pò di Red Leather e ho ripassato le zone più illuminate.

 

Aggiungendo sempre più rosso continuo a delimitare le zone di luce.

 

A questo punto aggiungo alla mescola di base una punta di Vomit Brown per enfatizzare ancor più le luci.

 

Finito con le luci passo ad accentuare le zone di ombra, soprattutto nelle zone lombari, vicino alla spina dorsale, e sotto la cassa toracia.

 

E' arrivato il momento di invecchiare il cuoio.
Per fare ciò, riprendo tutte le mescole intermedie di colore (avendo utilizzato una tavolozza bagnata il colore è sempre lì, pronto per essere utilizzato) ed inizio a "puntinare" la superficie del corpetto iniziando ad amalgamare le zone di transizione di colore. Per "puntinare" intendo dare letteralmente dei colpetti con il pennello carico di colore a mò di puntini sul figurino.

 

Proseguendo con questa tecnica arrivo ad avere una graduale transizione dei colori dalle luci alle ombre. Ogni tanto ho dato dei puntini di colore di una tonalità molto più scura o più chiara rispetto al colore dello "sfondo" in modo da ricreare piccole scalfitture ed abrasioni sul materiale e testurizzare il tutto.

 

Il passo seguente è quello di creare dei veri e propri tagli formatisi nel tempo durante gli innumerevoli combattimenti.
Tutti questi tagli sono dipinti con luci ed ombre per simulare una profondità non scolpita sul figurino.
Parto da un colore molto scuro (Cam Black o Cam Black + Nero) ed inizio a disegnare dei trattini sul cuoio nelle zone d'ombra. Utilizzo quindi una mescola leggermente più chiara per i tagli nelle zone di luce. Questa variazione è necessaria sia per dare varietà al lavoro sia per evitare un effetti di solchi profondi nelle zone illuminate.
Per dare tridimensionalità ai tagli, uso un colore molto chiaro, quasi Vomit Brown puro, e delineo la parte inferiore di ogni taglietto dove la luce si riflette maggiormente. Anche in questo caso il colore dei bordi nelle zone di ombra sarà meno acceso di quello dei bordi delle zone di luce.

 

Soddisfatto del risultato accentuo ed amalgamo le ombre con delle leggerissime velature di nero.

 

Il corpetto è ultimato!